Allergia al nichel: conoscerla per riconoscerla

Se ne parla sempre più spesso, è sempre più diffusa e colpisce soggetti di tutte le età, in prevalenza l’età giovanile e il sesso femminile: è l’allergia al nichel, un’allergia che fa parte della categoria DAC, ossia le “Dermatiti allergiche da contatto”. 

Ma quali sono i sintomi e soprattutto, esistono dei rimedi?

Lo scopriamo in questo post. 

Come nasce un’allergia?

Come tutte le allergie, anche quella al nichel è una reazione esagerata del sistema immunitarioverso una sostanza estranea all’organismo. 

In questo caso, a scatenare i sintomi è il nichel, un metallo molto diffuso nell’ambiente, in particolare nei metalli (nichel, cromo, cobalto, oro), gomma,profumi,cosmetici,farmaciper uso locale, sostanze di uso professionale (es. resine).

Può comparire a qualsiasi età, in genere dopo l’esposizione ripetuta o prolungata a oggetti contenenti nichel, ma in alcuni casi anche al primo contatto. 

Una volta sviluppata l’allergia il sistema immunitario si attiverà tutte le volte in cui l’organismo entrerà in contatto con il nichel, scatenando una risposta allergica. La causa alla base di questa attivazione impropria non è nota, ma l’allergia può essere almeno in parte attribuita a una predisposizione genetica

Allergia al nichel: quali sono i sintomi?

Una dermatite causata dal contatto con il nichel è di solito facile da riconoscere: si manifesta come un eczema localelimitato a localizzazioni cutanee in stretto contatto con gli oggetti contenenti il metallo, come i lobi delle orecchie (orecchini), polso (orologi), collo (collane), l’area sotto ombelicale (bottoni in metallo dei jeans, fibbie). Il volto e il cuoio capelluto possono essere colpiti dal contatto con i telefoni cellulari, occhiali in metallo, piercing e fermagli per capelli.

Le allergie da contatto (dermatite allergica da contatto) si manifestano con sintomi ritardati, rispetto al contatto con la sostanza scatenante nella forma di eczema, uno sfogo cutaneo pruriginoso che porta a: 

  • arrossamento della pelle
  • bollicine (vescicole)
  • desquamazione nei giorni successivi anche croste (sulle bollicine, che si sono rotte)

Lo sfogo può limitarsi alle zone della pelle entrate in contatto con il metallo, ma può anche estendersi ad altre aree del corpo. 

Allergia al nichel: i rimedi

Purtroppo, non esiste cura per guarire da un’allergia, ivi compresa quella al nichel.

Indispensabile è ovviamente ridurre il più possibile il contatto con la sostanza, ma in caso di comparsa di allergia è possibile ricorrere a creme cortisoniche per ridurre i sintomi e favorire la guarigione.

L’uso di tali farmaci ha tuttavia delle limitazioni dovute all’assorbimento dei principi farmacologici, con possibili effetti collaterali sia locali che generali. 

Necessaria quindi la associazione, in fase di remissione dell’eczema acuto, con prodottitopici riparatorilenitivied idratanti, in grado di affiancare i farmaci per ripristinare e mantenere l’integrità della barriera cutanea, oltre ad alleviare i sintomi più fastidiosi per il paziente, come il prurito e il bruciore, spesso peggiorati dalla secchezza cutanea. 

Argomenti correlati