Stanchezza primaverile: cause e rimedi

Cause e rimedi alla stanchezza di primavera.

Sintomi della stanchezza primaverile

Diminuzione della concentrazione, fiacchezza fisica e umore ballerino: sono questi i segnali più evidenti della stanchezza primaverile, un cambiamento climatico tipico della stagione più frizzante dell’anno.

Il nostro organismo si mostra sempre più spossato, privo di energie, e risponde con un calo generale della forma psicofisica all’arrivo dei primi raggi di sole.

Cause della stanchezza primaverile

Ma quali sono le cause di questo mutamento così fastidioso?

La colpa è da attribuire, almeno in parte, al clima.

L’organismo deve far fronte al nuovo ritmo biologico che prevede un aumento delle ore di luce e che richiede, da parte del nostro corpo, un cambiamento di marcia.

L’accumularsi della fatica lavorativa dei mesi invernali e l’ancora lontano profilarsi all’orizzonte delle vacanze estive non fanno che contribuire al calo di tono.

Rimedi alla stanchezza primaverile

Stanchezza Primaverile Cause e Rimedi

Per far fronte alla stanchezza primaverile esistono alcuni rimedi semplici ed efficaci.

> Scopri come preparare la pelle alla primavera

Una graduale ma leggermente crescente esposizione alla luce diurna consente di abituarsi piano piano al cambio di stagione e di accumulare una sempre maggiore quantità di melatonina, una sostanza in grado di aumentare il tono dell’umore.

Una buona soluzione per scacciare la stanchezza primaverile è poi rappresentata dall’interruzione della routine.

Una giornata al mare o un pomeriggio in montagna bastano per staccare dal tran tran e per trovare piacere in stimoli nuovi, un toccasana per diminuire l’affaticamento.

Una corsetta, una pedalata o una tranquilla passeggiata a passo sostenuto costituiscono un ulteriore rimedio contro la stanchezza primaverile. L’attività fisica produce infatti le endorfine, un energizzante naturale per il corpo e per la psiche. L’arrivo della bella stagione rappresenta anche un’ottima occasione per dedicare del tempo a se stessi e per staccare la spina dalla tecnologia che ci accompagna per buona parte del nostro tempo.

Un ultimo consiglio riguarda l’alimentazione.

Contro la stanchezza primaverile è preferibile assumere una maggiore quantità di vitamina B1, la tiamina, fondamentale per la sua funzione antifatica. Basta qualche pasto a base di piselli, fagioli e lenticchie per fare il pieno di questa preziosa sostanza.

Se questo articolo sulla stanchezza  di primavera ti è stato utile, condividilo sui social network!

Argomenti correlati