Sessualità in menopausa: per sentirsi giovani ed esserlo!

Sessualità in menopausa: per sentirsi giovani ed esserlo!

La sessualità in menopausa non è più un tabù: il miglioramento delle condizioni di vita delle donne e l’aumento delle aspettative di vita, fanno sì che una donna in menopausa sia considerata ancora giovane e si senta tale!

La sessualità in questo periodo della vita è vissuta positivamente da molte donne, che dicono di sentirsi più libere, perché slegate da possibili gravidanze e perché possono finalmente dedicare più tempo a sé stesse. Durante la menopausa, però, il corpo di una donna subisce profondi cambiamenti che possono ostacolare, o addirittura impedire, i rapporti sessuali.

La secchezza vaginale è un disturbo caratterizzato da scarsa o assente lubrificazione vaginale, che determina a sua volta un inaridimento delle mucose. Il fenomeno della secchezza si osserva spesso anche nei genitali esterni femminili, cioè a livello vulvare, coinvolgendo le grandi e le piccole labbra.

In quest’ultimo caso si parla di secchezza genitale o vulvo-vaginale.

Le conseguenze tipiche della secchezza sono le sensazioni di fastidio, bruciore e irritazione.

Quanto la lubrificazione è scarsa (o assente) i rapporti sessuali sono difficoltosi e possono esserci dolore e bruciore al momento della penetrazione, fino a rendere impossibile il rapporto. In alcuni casi possono verificarsi piccole abrasioni che possono rappresentare un fattore predisponente per vari tipi di infiammazioni: batteriche, fungine e virali.

Il fenomeno della secchezza vaginale è molto diffuso fra le donne, in tutte le età, ma in particolar modo durante la menopausa.

Questo periodo è caratterizzato da un profondo cambiamento dei livelli ormonali e, inoltre, i tessuti vaginali tendono ad assottigliarsi e a essere poco lubrificati. In età fertile, invece, la secchezza può essere causata da gravidanze in corso, dall’utilizzo di anticoncezionali, farmaci, e prodotti per l’igiene intima troppo aggressivi e, infine, da momenti di forte carico emotivo, tensioni o stress.

In menopausa, come in età fertile, è fondamentale idratare, proteggere e lubrificare la zona genitale femminile, attraverso prodotti specifici con un pH idoneo a tale zona. Si sconsiglia di utilizzare comuni creme, oli idratanti o vaselina, preferendo i lubrificanti intimi.

In commercio esistono essenzialmente due grandi famiglie di lubrificanti: a base acqua e a base olio.
Questi ultimi però, sono sconsigliati a chi ha rapporti sessuali ed utilizza il preservativo, perché la base oleosa può logorare il lattice (cosa che non si verifica con i lubrificanti base acqua).

I lubrificanti a base acquosa hanno l’aspetto di un gel liquido trasparente, non ungono e hanno un effetto preventivo nei confronti di irritazioni e bruciori.

Spesso sono arricchiti da sostanze lenitive e funzionali, specificamente introdotte per le esigenze delle donne.

Alcuni sono senza profumazione, e ciò è preferibile, perché si evitano i rischi connessi al potere allergizzante dei profumi.

Il lubrificante può essere applicato sull’apertura genitale della donna oppure o sul pene, poco prima del rapporto sessuale.

Infine è opportuno dire che, per contrastare il fenomeno della secchezza genitale, è importante anche seguire un’alimentazione bilanciata, ricca di tutti i nutrimenti necessari e che includa un notevole apporto di liquidi. Via libera dunque a frutta e verdura, oltre che a un litro di acqua al giorno, minimo.

In aggiunta a questi accorgimenti, consigliamo osservare le regole di igiene intima descritte negli articoli precedenti, con l’accortezza di evitare l’utilizzo di biancheria intima sintetica, collant, e jeans troppo stretti.

Argomenti correlati