Ottobre è il mese per la prevenzione del cancro al seno

Ottobre è il mese per la prevenzione del cancro al seno. Anche Dermaplus, da sempre sensibile al rispetto del corpo e della sua salute, si associa alla causa per diffondere informazioni relative alla prevenzione.

In molti casi, la prevenzione aiuta la diagnosi in fasi precoci. Attualmente la ricerca aiuta a far fronte all’aumento di incidenza del cancro al seno proprio grazie all’informazione preventiva e quindi all’educazione alla prevenzione.

Oggi una donna su otto è colpita dal tumore al seno. Ma la buona notizia, quella di cui non si parla mai abbastanza, è che i più importanti fattori di rischio sono anche modificabili! Le nostre abitudini alimentari (se la nostra dieta non è equilibrata ed è povera di frutta, verdura, ricca di grassi animali) e il nostro stile di vita (quando fumiamo e abbiamo una vita particolarmente sedentaria), oppure la qualità ambientale dei luoghi in cui viviamo o lavoriamo hanno un’incidenza altissima. Se pensiamo che i fattori genetici sull’insorgenza del cancro al seno hanno un’incidenza del 5-7%, questo ci dà una grande motivazione.

È importante sottolineare che la prevenzione deve cominciare a partire dai 20 anni, eseguendo con regolarità mensile le semplici manovre di autopalpazione. Per i controlli annuali, invece, è importante rivolgersi al ginecologo o allo specialista senologo. Dopo i 50 anni è raccomandata la mammografia biennale.

L’esame più semplice, che si può effettuare comodamente in casa, è proprio l’autopalpazione, che permette di conoscere profondamente la struttura del proprio seno e quindi di monitorare costantemente eventuali cambiamenti. Conoscere il proprio corpo è la forma di prevenzione di più importante e sicuramente una delle più efficaci se eseguita con regolarità e attenzione.

L’autopalpazione procede in due fasi: durante l’osservazione si notano visivamente eventuali modifiche alla forma del seno o del capezzolo; durante la palpazione si scoprono eventuali noduli precedentemente sconosciuti. Durante questo autoesame non si presta attenzione solamente ai noduli, ma anche agli eventuali cambiamenti di pelle e di forma, retrazioni o perdite di liquido dai capezzoli.

Il momento migliore per effettuare l’autopalpazione è tra il settimo e il quattordicesimo giorno del ciclo, questo autoesame è consigliato mensilmente a partire dai 20 anni di età. Dal momento che la struttura del seno si modifica in base ai cambiamenti ormonali, è consigliabile effettuarlo durante il periodo di tempo consigliato.

È importante, inoltre, tenere presente che la struttura del seno si modifica anche con l’utilizzo di contraccettivi ad uso orale, l’età e il peso corporeo. Per questo l’autopalpazione non può sostituire i controlli più approfonditi da parte di un medico. A partire dai 45-50 anni, quando aumenta rapidamente l’incidenza di cancro al seno, è importante sottoporsi agli esami strumentali più precisi come la mammografia o l’ecografia.

Conoscersi è la cosa più importante. Ascolta il tuo corpo e rispettalo.

Argomenti correlati