Lavarsi con la spugna: sì o no?

Lavarsi con la spugna: sì o no? È questo il dilemma.

Sono in molti coloro che associano l’atto della pulizia personale all’utilizzo di una spugna, che sia naturale o sintetica, da strofinare sulla cute nella routine quotidiana.

Dopo averla ammorbidita sotto il getto dell’acqua corrente e averla ricoperta, sulla superficie, di qualche goccia di bagnoschiuma, la spugna aumenta le sensazioni di benessere di una doccia o un bagno sviluppando una piacevolissima schiuma da cospargere su tutto il corpo.

Lavarsi con la spugna

Detto questo, sono in molti coloro che non la vedono di buon occhio tanto che chi la considera un insospettabile ricettacolo di germi si contrappone a chi pensa che sia uno strumento indispensabile per una pulizia accurata.

> Scopri quante volte fare la doccia durante la settimana

La questione è intricata, tanto che anche gli esperti, su questo argomento, si dividono, aprendo la discussione sulla necessità, o meno, del lavarsi con la spugna. Per far sì che possa svolgere correttamente il suo dovere di utensile di detersione del corpo è necessario mantenere la spugna in uno stato impeccabile di igiene seguendo alcune semplici regole.

Sarebbe opportuno dopo averne fatto uso, lavarla, asciugarla e toglierla dal box doccia. Immergerla periodicamente in una soluzione di ipoclorito di sodio all’1% e sostituirla con una certa frequenza sono soltanto alcune indicazioni utili a conservare bene la nostra spugna. Non dobbiamo dimenticare che trascurare queste norme di manutenzione può causare spiacevoli effetti indesiderati, come ad esempio l’insorgenza di fastidiose follicoliti infettive. Scegliere inoltre una spugna costituita da materiali troppo abrasivi può causare la comparsa di una dermatite irritativa e conseguenti arrossamenti della cute.

La sottile esfoliazione che opera sulla pelle, unita alla sensazione di benessere che regala alla cute, rende la spugna un oggetto importante da utilizzare nella pulizia quotidiana. Lavarsi con la spugna allontana la sporcizia, il sebo e le cellule morte e permette inoltre di rimuovere con maggiore facilità quegli ispessimenti epidermici su braccia e gambe.

Diversamente, lavarsi senza spugna, ovvero usando direttamente le mani sul corpo, è una soluzione che elimina alla base tutte le problematiche legate alla stessa spugna come ricettacolo di germi. Dall’altro lato si ha sicuramente una pulizia meno approfondita e non si può godere del piacere fornito dal massaggio della spugna.

In definitiva, meglio lavarsi con la spugna o no?

Decisamente con, ma tenendola sempre pulita e curata, come si fa con il corpo che deve lavare. Semplice no?

Cosa ne pensate? Utilizzate i “commenti” per condividere la vostra esperienza! :)

Argomenti correlati