Donne e fumo: smoker’s face

Il problema del fumo è tristemente diffuso nella nostra quotidianità, nonostante le numerose campagne di sensibilizzazione e prevenzione che si susseguono.

Donne e Fumo

Il fumo di sigarettanuoce gravemente alla pelle” in quanto la rende meno consistente, facendole assumere un colorito pallido, tendente al giallo-grigiastro e favorendo la comparsa di rughe precoci soprattutto a livello degli angoli esterni degli occhi e delle labbra.

Tutte queste alterazioni vanno a definire la cosiddetta “smoker’s face”.

Sono numerose le ricerche in campo scientifico che hanno dimostrato la stretta correlazione tra fumo e invecchiamento precoce della pelle.

Il fumo danneggia la pelle in maniera multifattoriale, infatti gli effetti sono determinati sia a livello sistemico che a livello locale e coinvolgono più componenti dell’organo cutaneo.

La nicotina ad esempio, provoca dei fenomeni di vasocostrizione, riducendo il flusso sanguigno e determinando, nel tempo, disidratazione e senescenza.

Oltretutto, nelle donne, il fumo è direttamente correlato con alterazioni ormonali: fumare infatti, rende meno fertili.

Le fumatrici hanno generalmente tassi di infertilità più alti, una fecondità (possibilità di concepire per ciclo) ridotta, e impiegano più tempo a concepire (in genere più di un anno). Il fumo, infatti, è dannoso per le ovaie femminili, e la gravità del danno dipende da quante sigarette e da quanto tempo una donna fuma.

Smoker’s FacePurtroppo, però, benché la correlazione tra fumo e infertilità sia indubitabile, è quasi impossibile valutarne l’importanza in senso assoluto.

Spesso, infatti, sono contemporaneamente presenti anche altri fattori come lo stile di vita e le abitudini alimentari malsane ed inadeguate, elevato consumo di caffè, non rispetto di fondamentali regole igieniche che hanno a loro volta una notevole incidenza sull’infertilità.

Il fumo incide anche sulla fertilità maschile.

Diversi studi hanno dimostrato che il fumo ha effetti negativi sulla spermatogenesi (processo di produzione di spermatozoi) sulla concentrazione di spermatozoi nel liquido seminale, sulla loro motilità, vitalità e morfologia.

Diventa facilmente intuibile che per le coppie che già hanno difficoltà procreative, il fumo rappresenta un ulteriore ostacolo al successo riproduttivo.

(Fonte articolo: American Society for Reproductive Medicine)

Argomenti correlati