Dermatite irritativa da contatto: cos’è e come prevenirla

Cos’è la dermatite irritativa da contatto.

Dermatite irritativa da contatto: cos'è, quali sono i sintomi e come prevenire la dermatite irritativa da contattoLa dermatite irritativa da contatto è una reazione che può verificarsi a carico dell’epidermide in seguito ad esposizione a sostanze chimiche, sia naturali che artificiali, con potere irritante.

Cause dermatite irritativa da contatto

Per lo più si manifesta in persone adulte che entrano in contatto con sostanze a rischio in ambito professionale o domestico (disinfettanti, solventi, polveri abrasive, tossine vegetali o animali, detergenti, ecc.).

Molto spesso chi viene colpito è caratterizzato da una pelle fragile e delicata.

L’irritazione cutanea tipica della dermatite da contatto è determinata dall’azione lesiva diretta esercitata dalle sostanze tossiche che penetrano negli strati più superficiali della pelle; tale fenomeno è più frequente e marcato quando l’epidermide si presenta disidratata o indebolita a causa di una barriera idrolipidica superficiale non perfettamente integra e funzionale.

Destabilizzando questa barriera, gli agenti atmosferici come il freddo, il vento e l’esposizione eccessiva al sole rendono più probabile l’insorgenza della dermatite da contatto, anche in seguito al contatto con sostanze non particolarmente aggressive (per esempio, saponi e detergenti d’uso comune).

I sintomi più comuni della dermatite irritativa da contatto sono:
  • arrossamento
  • bruciore
  • sensazione di dolore dell’area cutanea
  • prurito
  • gonfiore

Nella maggior parte dei casi, la DIC interessa le mani e gli avambracci (soprattutto, quando l’origine è professionale), ma ogni parte del corpo può essere coinvolta.

> Idratazione della pelle: scopri quando ha bisogno di essere idratata!

Per capire esattamente quale sia la causa del disturbo è necessaria un’analisi accurata delle abitudini professionali e di vita, delle eventuali altre patologie presenti e dei farmaci assunti per contrastarle, e ovviamente una approfondita visita dermatologica.

Come prevenire la dermatite irritativa da contatto

Così come per altre patologie è molto importanteprevenire” la dermatite irritativa da contatto evitando o riducendo il più possibile il contatto con le sostanze irritanti (per esempio, indossando guanti sul lavoro).

Altri accorgimenti utili prevedono il lavaggio accurato ma delicato, delle aree cutanee esposte al termine dell’attività a rischio e l’applicazione ripetuta di creme protettive specifiche, che, tutelando l’integrità della barriera idrolipidica cutanea, aumentano la resistenza della pelle agli agenti irritanti.

Tali prodotti devono avere un elevato profilo di sicurezza e compatibilità con la pelle altrimenti si corre il rischio di aggravare ulteriormente la situazione.

La presenza di alcuni principi attivi naturali come l’olio di mandorle dolci, olio di germe di grano e Mimosa tenuiflora possono risultare importanti per idratare e proteggere adeguatamente la pelle e favorire la rigenerazione della barriera epidermica, rendendo la cute più resistente agli agenti esterni lesivi.

Argomenti correlati