Celiachia e pelle: il ruolo dei cosmetici

Celiachia e pelle: il ruolo dei cosmetici

Celiachia e pelle.

Il celiaco è abituato a stare attento alla propria dieta per evitare di assumere glutine. Ma quanto conta la presenza di quest’ultimo nei cosmetici? E quali sono i problemi dermatologici più rilevanti collegati alla celiachia?

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, che è contenuto nel grano e altri cereali, come ad esempio il farro, il kamut, l’orzo, ecc… In Italia i celiaci diagnosticati sono circa 135.000, ma si stima che possano essere di più.

Un problema dermatologico collegato alla celiachia è la dermatite erpetiforme, una malattia infiammatoria della pelle che colpisce soprattutto i bambini e i giovani adulti , ma che può manifestarsi a qualunque età. Questo disturbo è una “affezione glutine-dipendente”: ciò significa che il trattamento coincide con la totale eliminazione degli alimenti contenenti glutine dalla dieta. Una volta iniziata questo tipo di dieta, infatti, le manifestazioni cutanee scompaiono completamente e si ripresentano sono nel caso in cui venga reintrodotto il glutine. Qualsiasi trattamento farmacologico è prescritto come coadiuvante al regime dietetico, nell’attesa che quest’ultimo abbia i suoi effetti.
In presenza di dermatite erpetiforme, la pelle deve essere detersa e idratata con prodotti di elevato profilo e che non risultino aggressivi con la pelle.

La celiachia è un’intolleranza che deriva dall’ingestione di prodotti contenenti glutine, ma cosa succede se i prodotti cosmetici usati sulla pelle contengono glutine?
L’applicazione cutanea di prodotti cosmetici di questo tipo non dovrebbe causare disturbi, specie se il cosmetico in questione viene applicato sulla pelle sana e integra. Alcuni prodotti come lipstick, colluttori e rossetti vengono considerati più a rischio, ma difficilmente si ingeriscono delle concentrazioni di glutine sufficienti a scatenare una reazione allergica.
Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche, non esiste dunque motivo di preoccupazione. Lo stesso comitato scientifico dell’Associazione Italiana Celiachia ha espresso un parere negativo sull’utilizzo di diciture e simboli relativi all’assenza di glutine su prodotti cosmetici, perché non presentano alcuna pericolosità per i soggetti affetti da celiachia. Ciò non toglie però che si possano scegliere comunque prodotti di qualità, non aggressivi e privi di conservanti e sostanze potenzialmente nocive, in modo da nutrire la pelle e aiutare il suo lavoro di difesa e protezione del nostro corpo.

Argomenti correlati